lunedì 29 dicembre 2014

Quotidianità alterata e caffè speziato.



Buongiorno alla quotidianità,  ho letto stamattina in un post su Facebook di una mia cugina. Oggi molta gente è rientrata al lavoro. Prima parte delle feste natalizie finite, volate  come un soffio di vento gelido, simile a  quello che soffiava stamattina qui a Milano. Compiti, pulizie anche riposo e un accenno di dieta al tè verde. In attesa di un'altra festa, che io personalmente non amo tantissimo, l'ultimo dell'anno. Quest'anno sarà la prima volta che non lo festeggerò con Edoardo. E , prendetemi pure in giro, ma ci sto pensando e ogni volta che realizzo,  dei lucciconi fanno capolino. Queste feste sono state il palcoscenico di importanti prime volte, nessuno ci ha fatto caso, marito compreso, niente latte e biscotti per l'uomo vestito di rosso e insalata per le sue magiche renne. Niente campanellini nella notte, ecco perchè ho comprato una scatola di campanelline e ho invaso la casa con i loro suoni. Però l'attesa , anche se smorzata dal sonno, c'è stata. In questi giorni dovrò anche lavorare ad un nuovo progetto di solidarietà che vi racconterò. Naturalmente dovrò cucinare per la festa di mercoledì 31 dicembre. Preparare per  la cena dove andremo io, Marco e Beatrice e per la festa di Edoardo. Avrò la nausea di cotechini e lenticchie. 
Questo post sarà l'ultimo di questo 2014, poi arriverà l'anno dei 50 ... non sfumature di grigio, rosa, rosso o verde ma anni. Il mio mezzo secolo !!!
Vi lascio per i giorni di festa, di sci, di relax,  pigrizia, di chiacchiere con amici o familiari o una piccola coccola per voi, una deliziosa  ricetta per gustare un dolce e speziato caffè, magari decorato con della panna e scaglie di cioccolato.


Caffè speziato

Naturalmente da prepararsi con la caffettiera. Insieme alla polvere del caffè, aggiungere nel filtro anche un cucchiaino di cannella, qualche chiodo di garofano e un cucchiaino di cacao.

Quando il caffè sarà pronto, aggiungere a piacimento un cucchiaino di zucchero di canna o di miele . Decorare poi con panna montata e scaglie di cioccolato.
Accompagnare la bevanda con biscotti speziati alla cannella o al burro.

E naturalmente vi auguro con  le parole, i desideri, i sogni di questa bellissima canzone 
Buon anno fratello buon anno davvero e spero
Sia bello sia bello e leggero
Che voli sul filo dei tuoi desideri
Ti porti momenti profondi e i misteri
Rimangano dolci misteri
Che niente modifichi i fatti di ieri
Ti auguro pace risate e fatica
Trovare dei fiori nei campi d'ortica
Ti auguro viaggi in paesi lontani
Lavori da compiere con le tue mani
E figli che crescono e poi vanno via
Attratti dal volto della fantasia
Buon anno fratello buon anno ai tuoi occhi
Alle mani alle braccia ai polpacci ai ginocchi
Buon anno ai tuoi piedi alla spina dorsale
Alla pelle alle spalle al tuo grande ideale
Buon anno fratello buon anno davvero...
Che ti porti scompiglio e progetti sballati
E frutta e panini ai tuoi sogni affamati
Ti porti chilometri e guance arrossate
Albe azzurre e tramonti di belle giornate
E semafori verdi e prudenza e coraggio
Ed un pesce d'aprile e una festa di maggio 
Buon anno alla tua luna buon anno al tuo sole
Buon anno alle tue orecchie e alle mie parole
Buon anno a tutto il sangue che ti scorre nelle vene
E che quando batte a tempo dice andrà tutto bene
Buon anno fratello e non fare cazzate
Le pene van via così come son nate
Ti auguro amore quintali d'amore
Palazzi quartieri paesi d'amore
Pianeti d'amore universi d'amore
Istanti minuti giornate d'amore
Ti auguro un anno d'amore fratello mio
L'amore del mondo e quello di Dio...

giovedì 25 dicembre 2014

Una piccola storia per augurarvi buone feste-



La neve scendeva fitta, con fiocchi soffici  e grandi come eterei gioielli. Lei era seduta  sui gradini dell'ingresso della casa. Era il giorno di Natale. Si stava concedendo un attimo tutto per se. In mano una tazza di caffè speziato fumante e un piccolo sigaro. E guardava la neve scendere e si immaginava come sarebbe stato bello se ogni fiocco che toccava terra avesse portato via ingiustizie, guerre, povertà, dolore, ipocrisie, falsità ed egoismo. Come sarebbe stato bello se ogni fiocco fosse entrato nel cuore delle persone per ridare gioia e fiducia a chi l'aveva persa e amore a chi non l'aveva mai conosciuto. 
Poi si alzò e guardò laggiù verso il lago. Tutto con la neve entrava di prepotenza nel mondo delle fiabe. E una lacrima le scese, seguita da altre. Erano lacrime di soddisfazione, pace e gioia. Dopo quasi due anni di ricerche, rifiuti, scoraggiamenti era finalmente riuscita a trovare quella casa, la casa. E, soprattutto, era riuscita a radunare tutta la sua grande famiglia che dopo anni, forse decenni  di invidie e incomprensioni, ora, era  all'interno di quella vecchia, malandata, affascinante casa. Cugini, zii, genitori, fratelli, sorelle, cognate, nuore  che ridevano, giocavano, parlavano e in modo molto naturale si confrontavano. Alzò gli occhi al cielo e disse grazie ai suoi nonni . Grazie per averla cresciuta, grazie per aver cercato di renderla felice, grazie per aver giustificato i suoi genitori che presi dalle loro carriere spesso si dimenticavano di lei. Grazie per le parole, i gesti e le coccole che le avevano fatto. Grazie per averle insegnato a vivere con il cuore in mano. E ora grazie per averle donato quell'ultimo regalo. Le mancavano tanto, delle volte la nostalgia era come un sordo dolore. Ma era la vita, così le diceva la nonna. Non devi mai pensare che il tuo fato sia meglio o peggio di quello di un altro. Ognuno nasce con il proprio, poi sta a lui cercare di renderlo migliore. E lei ne era sicura lo aveva reso bellissimo. Con coraggio, con tante cadute dove si era fatta anche parecchio male, con lacrime, delusioni e a volte tanta tristezza. Ma ci era riuscita e la prova era dietro di lei. Le mura scrostate di Villa Adele, così l'avevano chiamata lei e i suoi cugini, e le voci all'interno che invadevano dolcemente il silenzio ovattato dalla neve.

Vi auguro care amiche e amici un Natale sereno, sinceramente condiviso con le persone che amate. Credo alla fine che il regalo più bello di Babbo Natale sia proprio questo.
Con affetto.
La vostra "quasi" blogger Paola.



venerdì 19 dicembre 2014

Cani, gatti & co.

Mancano 5 giorni a Natale, devo ancora comprare dei regali, fare la lista della spesa per quello che dovrò portare, anche se sono ospite, mi piace preparare dolci, antipasti o stuzzichini. Finire il pensiero per voi care lettrici e cari lettori che nonostante i miei saltuari abbandoni, non mi lasciate mai. E mi accorgo che le  giornate volano, non si riesce a fermarle, a rallentare le ore che inesorabili scorrono. Ma oggi a parte questa piccola premessa voglio raccontarvi dei miei animali, cani, gatti e cocoriti.
Perchè? Perchè qualche giorno fa un'amica di facebook ha scritto della  tristezza per la perdita del suo fidato e amato cane. Della nostalgia dei suoi sguardi, della mancanza delle sue coccole. E così all'improvviso mi sono venuti in mente tutti gli esserini a quattro zampe o a due con folto piumaggio, che mi hanno fatto compagnia nella mia vita. 
Premetto che il mio desiderio più grande è sempre stato quello di poter fare la veterinaria. Ma ahimè finite le medie sono dovuta "sottostare" al pensiero dei miei genitori. E ho scelto lingue. E poi nella vita ho fatto tutt'altro. 
Così riversavo la mia passione su ogni gatto o cane in difficoltà che  passava da casa mia.
Inizio con due piccoli, piumosi e simpatici pappagalli, Titti e Pedro. Due soggetti a dir poco interessanti. Avrò avuto circa 10 anni, mi ricordo che uscivano dalla gabbia, la tenevo in camera mia, e si posavano sulla scrivania mentre studiavo. Si avvicinavano a me e beccavano dalla mia mano, il maschio Pedro, intrepido pappagallo innamorato si arrampicava sulla mia gamba, subito seguito  dalla sua meravigliosa e timida Titti. Poi un freddo pomeriggio di febbraio, nevicava ,mia madre lasciò aperta la finestra del salone e non si accorse che la gabbietta era aperta. Pedro,  indomito e curioso uscì dalla gabbia e prese il volo. Non lo trovammo mai più. E qualche settimana dopo, morì anche Titti, sicuramente straziata per la solitudine dopo l'abbandono del suo Pedro.
La mia disperazione, per queste perdite, si placò quando un giorno mentre sdraiata sul letto leggendo Topolino  sentii a Radio Reporter l'annuncio di una signora che cercava qualcuno a cui regalare dei gattini. Chiamai mia madre, che era nel suo laboratorio, e le chiesi, pregandola in ginocchio e promettendole ogni cosa, di portarmi a prendere uno di quei gattini. Sapevamo entrambe che la reazione di mio padre non sarebbe stata facile da gestire, ma il giorno dopo Tita (credo in onore di un ex giocatore dell'Inter, almeno questo dovevo concederlo a mio padre) entrò a far parte della vita della mia famiglia. Una gattina nera, occhi verde smeraldo e una macchiolina sulla gola. Una gattina molto snob, delicata, altezzosa e compagna di giochi e avventure. Solitaria ma molto ruffiana. Dopo le prime remore mio padre la accolse, e divenne la sua Tita. Quando rientrava dal lavoro la prima cosa che chiedeva era dove fosse Tita. Questa meravigliosa gattina nera  ci lasciò dopo 19 anni di compagnia, ron ron, assalti a innocenti fidanzati e tenere coccole. 

Tita sui tetti toscani.
Nei diciannove anni di Tita riuscii anche a salvare da un incidente un grosso gattone rosso, lo chiamai Rossone, lo salvai, lo portai dal veterinario e  lo accudii. Naturalmente relegato in cantina. E quando si rimise, una mattina gli portai da mangiare, lui mi guardò, miagolò e senza che io riuscissi a fermarlo scappò. Non lo vidi e trovai mai più. Dopo la morte di Tita convivevo con Marco. Abitavamo a Millepini, una piccoli oasi di pace a sud di Milano. Paradiso di cacciatori. Ed è stato grazie ad un anziano cacciatore ed al suo bellissimo Bretone che convinsi Marco a prendere un cane.
Un sabato mattina ci recammo al canile della mia zona e fu lì che incontrai e mi innamorai di Jack. Un Epagneul Breton che da cinque anni era rinchiuso in canile, perchè nonostante fosse di pura razza aveva paura degli spari. Era sporco, pieno di zecche, malato e con occhi dove il terrore predominava su tutto. Lo portammo a casa, bagno, veterinario e tanta pazienza per curarlo. Un cane di una bontà indescrivibile. Gli feci punture, clisteri, li misi gocce negli occhi, pastiglie in bocca e mai una volta tentò di morsicarmi per il dolore.
Fu il guardiano di Edoardo quando nacque un anno dopo, la mia baby sitter personale che mi avvisava quando Edoardo era sveglio o piangeva o mi chiamava. Mi ricordo la prima volta che lo portai senza il guinzaglio a correre nei campi dietro casa. Fu una gioia immensa vederlo dapprima annusare con cautela tutto in giro e poi iniziò a correre a perdifiato, felice con le su orecchie al vento e con uno sguardo che mi ripagò di tutte le fatiche nel curarlo. Aveva solo un piccolo difetto, quando lo portavamo fuori con il guinzaglio l'indole di cane da caccia saltava fuori all'improvviso e il suo naso iniziava a "lavorare". Mi chiedo come non gli fossero mai venuti i crampi. E a causa di questa indole  strattonava e tirava tantissimo. Parecchie volte ha pericolosamente attentato alla mia vita. Ha "sopportato" anche l'arrivo della piccola peste Beatrice, che piombava all'improvviso su di lui per abbracciarlo e accarezzarlo, e lui mai una volta che avesse mostrato i denti. Paziente e dolce.  Jack dopo tante coccole, tanti sospiri quando Marco occupava il suo posto sul divano, tante corse in montagna, tanti viaggi insieme, tanti sguardi fatti di una riconoscenza che non credo esista negli umani, tante carezze è andato via  un giorno di maggio.

Jack in tutto il suo meraviglioso splendore
E per finire questo post,  dopo anni a pregare il padre per avere un cucciolotto  un anno e mezzo fa, è arrivato nella nostra casa non un cane, ma un gatto, che dire il Gatto Tigro. Un esserino dolce che si sta trasformando in un bel gattone, lunatico, mangione, coccolone quando lo decide e dove vuole lui, un fanatico giocatore di nascondino e un provetto calciatore con gli scarti e le parate quando gioca con la  sua pallina da ping pong. Un cacciatore spietato di cimici, mosche e vespe. Gatto strano che ti guarda dalla scala a testa in giù, che corre all'improvviso come una saetta e poi arriva facendo le fusa. A volte  penso sia la reincarnazione del mio cane. Strano, affamato e sconclusionato come lui.

Innocenza felina
Ah nell'elenco dimenticavo le mie dolci amiche  coccinelle, con le quali giocavo sul balcone costruendogli la casa con una scatola da scarpe e il  letto con foglie e pezzi di stoffa. E quando volavano, giustamente, via  piangevo lacrime di abbandono. 
Credo, anzi ne sono certa,  che la mia vita senza questi meravigliosi personaggi sarebbe stata completamente diversa e non così ricca di tante emozioni.




lunedì 15 dicembre 2014

La torta di mele della nonna di Benedetta Parodi.


Io non sono certamente  una grande cuoca, anzi nemmeno una cuoca. Quando ho voglia, tempo e come ho già detto in un altro post, tutti i pianeti sono allineati nel modo giusto mi piace mettermi ai fornelli. Soprattutto la domenica mattina quando  per il pranzo cerco sempre di preparare qualcosa di gustoso, particolare e desiderato.
Ogni pranzo domenicale, quando siamo a casa, è sempre composto da un buon primo, un secondo, il contorno e naturalmente il dolce.
Ieri mattina mi sono alzata presto e nelle ore che hanno preceduto la sveglia del resto della famiglia e di conseguenza la fuga della tranquillità, ho cominciato a cucinare e pensare a un dolce. Mi piace svegliarmi presto, quando ancora tutto è silenzio e fare le mie cose con calma. Bere una tazza di tè verde, ascoltare il telegiornale, scrivere o cucinare. In queste ore rifletto, penso, mi consiglio, ahimè parlo da sola, progetto e appunto cucino. Ritornando al dolce che dovevo preparare ho pensato di sfogliare uno dei primi libri scritti da Benedetta Parodi, Cotto e mangiato e ho deciso di fare la classica e mai tramontata Torta di Mele.

Concedetemi una parentesi di nostalgia. Questo libro mi è stato regalato dai miei ragazzi un compleanno di alcuni anni fa. Quando lo aprii e lessi la dedica, mi ricordo, piansi tanto perchè sapevo che l'innocenza di quelle parole presto sarebbe svanita, rapita dall'adolescenza. Ecco la dedica: " Per la mia e nostra ultra mammina. Sei la donna più (tutti gli aggettivi belli) di tutto l'universo. " Scritta da un Edoardo ancora cucciolo e firmata dalla piccola, paffutella e dolce Beatrice. 

Benedetta Parodi nel libro riporta sette ricette di questo delizioso dolce. Io ho sempre fatto la sua ricetta. Ieri, e lo ammetto per sbaglio, ho cominciato a tirar fuori gli ingredienti per la Torta di mele di sua nonna. Quando mi sono accorta dell'errore era troppo tardi e devo dire fortunatamente. Risultato? Fantastico. Soffice, dolce, con i pezzetti di mele che si scioglievano in bocca. Ha riscosso entusiastici consensi, molti di  più rispetto alla solita che preparo, sicuramente  più light ma, assolutamente meno Torta di mele.
Credo che sia il dolce per antonomasia, è la torta che ha sempre preparato nonna Papera, come dimenticarsi della sua apple pie? E' la prima torta che ho mangiato a casa di mia suocera, la prima sera che mi ha invitato a cena. E' la torta che ha accompagnato per tanti anni i pranzi e le cene a casa sua, a Milano o in montagna. 
Credo si possa affermare che la torta di mele è sempre stata e sempre lo sarà la Torta con la t maiuscola.



Torta di mele della nonna

1 kg di mele renette
180 gr di burro
200 gr di zucchero
4 uova
140 gr di farina
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 bustina di vanillina
1 limone
sale

In una terrina mescolare insieme il burro fuso con lo zucchero, poi aggiungere i tuorli, la farina con il lievito, la vanillina e il sale. Montare gli albumi a neve e incorporarli delicatamente all'impasto. Condire le mele, tagliate a pezzi, con un pò di zucchero e qualche goccia di limone e aggiungerle nella terrina dell'impasto. Amalgamare con delicatezza e versare il tutto in una forma rettangolare foderata di carta da forno (io ho usato la mia solita tortiera rotonda e come sempre non ho usato la carta forno, ma l'ho imburrata ed infarinata). Cuocere in forno a 160° per circa 1 ora, aggiungo io dipende dal forno.






giovedì 11 dicembre 2014

Un ricettario anche di nonna Vera.


Dicembre, anno 1975, quinta elementare. Il regalo di Natale per mia mamma. Un quaderno dalla  carta vellutata verde e una decorazione con un improbabile cuoco che ora ha perso il suo prezioso grembiule.  Una raccolta di ricette. Alcune consigliate e dettate da Nonna Vera, altre ricette  trovate sullo storico giornale letto da mia madre (legge ancora quello ... ) e altre  portate dalla mia meravigliosa maestra Rina. 
Un quaderno che ancora oggi a distanza di  tanti anni uso per un dolce tipico dei nostri pranzi natalizi ... pranzi di gusti milanesi e toscani. Sto parlando del panettone ripieno. Questa particolare ricetta arriva dalla Toscana, appunto da nonna Vera, e forse è anche questo il motivo per cui ogni anno lo preparo. E' un piccolo gesto per averla vicina. E mentre impasto, sciolgo, aggiungo e assaggio "SENTO" i suoi toscani rimproveri su come bisogna montare le uova o come tagliare il panettone. Non è un piatto molto costoso, sicuramente molto calorico ma eccezionale. Nel mondo virtuale troverete  svariate ricette per fare questo dessert,  ma nessuna ha gli stessi ingredienti di quello preparato da mia nonna. Non conosco la sua storia, ne da dove provenga questa tradizione. Provatelo, almeno per una volta. 



Panettone ripieno

Panettone di 1 kg
3 etti di cioccolato fondente
3 uova
1 etto di gradina (dalla ricetta di nonna) ora io uso il burro
4 etti di panna
1 bicchierino di rhum
3 cucchiai di caffè ristretto
pinoli q.b.

Tagliare la calotta del panettone, svuotarlo all'interno senza rompere le "pareti" del panettone.
Sciogliere il cioccolato nel caffè a fuoco lento poi aggiungere la margarina e il rum. Mettere tutto in una terrina e metterci un tuorlo alla volta, sempre mescolando, poi la panna a cucchiaiate e le chiare montate a neve. Sbriciolarci i resti del panettone amalgamare il tutto.
Riempire il panettone, chiudere e conservare in frigo per 12 ore prima di servire.




martedì 9 dicembre 2014

EcheNatalesia ...


Come da tradizione milanese fatto albero e presepe. Il primo come sempre dopo averlo completato decido che è ancora work in progress. Devo assolutamente aggiungerci qualche altra decorazione. Pensavo a delle piccole mele rosse.
Il presepe opera di Beatrice non si tocca. Minimalista ma anti Tigro.
Viaggiando nel mondo di Pinterest ho visto fotografie di alberi meravigliosi, stile shabby , country, vintage e le idee che mi sono venute sono state veramente molte. Poi quando mi sono trovata davanti lo scatolone del mio albero, il gigante barattolo  delle mie decorazioni è tutto svanito ed è prevalsa la voglia di usare questo albero che ci fa compagnia da circa 14 anni. 
Le palline, i lavoretti, i cuoricini, le donnine, le vecchie sorprese degli ovetti Kinder, le renne colorate dai bambini e tante altre cose mi hanno convinto a lasciare da parte abeti veri e luci bellissime. Soprattutto  quest'anno che non ci sarà più la trepidante attesa dell'arrivo di  Babbo Natale, ho voglia di un pò di magia, di ricordi e di nostalgia.
Comunque ritornando al Natale ieri Beatrice mentre facevamo l'albero mi ha chiesto : "Mamma dimmi la verità, i regali me li avete sempre portati voi?"
Io sono rimasta un attimo in silenzio, non sapendo cosa dire, poi le ho detto quello che ho sempre pensato. " Amore mio, per me Babbo Natale esiste, è la magia del Natale che prende la forma di un grosso signore vestito di rosso. E' la trepidante attesa di qualcosa di bello, di aspettato. E' la voglia di credere nelle fate, negli elfi, nelle sue renne e in lui. Non importa la provenienza dei giochi ma quello che conta è che i bambini vivano con gioia e serenità e con un pizzico di mistero la notte di Natale. " "Mamma non ho tanto capito quello che hai detto, ma grazie ."  Babbo Natale esiste. 

  

sabato 6 dicembre 2014

Sant'Ambroeus

A Milano nei prossimi giorni sarà festa, perchè domenica 7 ottobre è la ricorrenza del Santo patrono, Sant' Ambroeus (Sant'Ambrogio). Quindi scuole chiuse fino a martedì, fiera degli Oh bej Oh bej, un'antico mercato artigianale che pare risalga al 1288. Bancarelle colorate e profumate faranno da cornice alla bellissima piazza Castello e da tradizione albero di Natale e presepe nelle case.
E la sera del 7 dicembre ci sarà la prima alla Scala, evento a livello mondiale, quest'anno andrà in scena Fidelio di Ludwig van Beethoven.



Io mi prendo qualche giorno di riposo, nulla di particolare ma ogni tanto devo fuggire e respirare altre arie. E al rientro albero di Natale e presepe. Auguro buon fine settimana a chi non è di Milano e buon Sant'Ambroeus ai milanesi e dintorni. 






mercoledì 3 dicembre 2014

Un pò del mio Natale e le liste.


E' lui. Il Calendario dell'Avvento. Handmade e apprezzato, anche dal gatto Tigro. Solo oggi sono riuscita a postarvi le fotografie, ma è attivo da lunedì primo dicembre. Semplici sacchettini, con stoffe che avevo in casa, nastrini e spago naturale. All'interno cioccolatini, piccoli oggetti e tanto tanto amore. I sacchettini li sto tenendo. Ogni giorno dopo averli aperti finiscono nella mia scatola, archivio, contenitore e raccoglitore di ricette, fogli vari, scontrini, piccoli ricordi, monete, candele, lavanda. Un giorno vi parlerò di lei. 


E per arredare anche le mie porte, degli anelli per il bastone delle tende, della semplice passamaneria e un vecchio e riciclato sonaglio che mi piace pensare possa richiamare gli angeli. 



Qualche post fa vi avevo accennato alle liste. Sono elenchi che io faccio su una vecchia Moleskine nera. Elenchi  di cose concrete da fare, di progetti, di idee, di persone, ricette, menù, di libri o canzoni. Ogni cosa che mi piace, ogni nuovo lavoro che voglio fare, ogni problema che bussa alla mia porta trovano posto nelle pagine oramai consumate e vissute e macchiate di questo piccolo e prezioso libricino. Perchè faccio continuamente elenchi? Non lo so, l'ho sempre fatto. Prima di organizzarmi con un quadernino erano foglietti volanti, fazzoletti o tovaglioli di carta, pagine strappate di vecchie agende o fogli di giornale. Non c'è un tempo o un orario stabilito per le liste, non ci sono giorni dedicati a questo. Capita così che all'improvviso, prendo una matita e inizio ad elencare. Alla fine mi sembra che tutto vada meglio. Ho la sensazione che nella confusione mentale della mia testa qualcuno abbia aperto una finestra e fatto entrare aria fresca. Una volta mi hanno detto che è abbastanza comune per i nati sotto il segno dell'Acquario, con ascendente Acquario. Chi è, astrologicamente parlando, sotto l'influenza piena di questo segno zodiacale ha la necessità di scrivere e quindi concretizzare quello che pensa, ama, vuole, cerca o vorrebbe. Sono convinta che senza le mie liste non potrei affrontare con ordine e razionalità le mille cose che devo e voglio fare. E vi assicuro che potrebbe essere molto pericoloso. Vero Marco ???





lunedì 1 dicembre 2014

Il pomeriggio a me dedicato e la ricetta del mio Crumble di mele.


E' lunedì. Uno dei miei giorni preferiti, anzi dei pomeriggi preferiti. In questo giorno della settimana solitamente quando rientro, dopo aver preso Edoardo e Beatrice posso mettere nel garage  la macchina. E allora? Allora? E' una meraviglia, una gioia immensa. In casa tutto il pomeriggio io la streghetta e il conte. A fare i compiti, a litigare, a fare velate coccole (senza esagerare)e  a chiacchierare, quando il vento gira per il verso giusto, naturalmente. Studiare insieme, ridere e prendersi in giro. Succede purtroppo solo il lunedì, poi tra vari impegni extrascolastici, lezioni su skype, fisioterapisti e amici devo sempre aspettare con trepidazione il lunedì successivo. Quando posso godere di briciole di tempo che i due pargoli "decidono" dedicare alla mamma. 

Sabato sera ho avuto amici a cena. La mia amica mi ha mandato un messaggio dicendomi che il dolce lo avrebbe portato lei. Bene, penso io, una cosa in meno da fare. Ma ... poi ci sono sempre i ma. Non riesco a preparare una cena senza cucinare anche un dolce, seppur piccolo o banale. Allora ho pensato al crumble di mele. Una ricetta semplice, veloce e dal sapore delicato ; che non è un proprio e vero dessert ma un piccolo tocco di dolcezza per gli ospiti. Crumble, crumb  in inglese vuol dire sbriciolare. E di solito penso a questo dolce quando avanzo del pandoro o panettone (meglio il pandoro). Si possono usare le mele o le pere. Io preferisco le prime. Eccovi la ricetta, se dopo le feste o prima vi avanza del pandoro, basta sbriciolarlo aggiungere una mela e pochi altri ingredienti ... e il vostro momento di coccole dolci è assicurato.


Ingredienti
Pandoro o panettone avanzato (circa due fette)
2 mele rosse di media grandezza
30 gr di burro
cannella in polvere
3 cucchiai di zucchero di canna
il succo di un limone 

Pelate e tagliate a dadini le mele. Mettetele in una pentola antiaderente con 20 gr di burro, fatele "rosolare" per alcuni minuti poi aggiungete il succo del limone lo zucchero ed infine la cannella. Fatele cuocere per dieci minuti. Ungete una pirofila con il restante burro e versate le mele. Sopra sbriciolatevi il pandoro o il panettone. Fate grigliare nel forno per qualche minuto. Togliete il crumble dal forno lasciatelo intiepidire e spruzzatelo di zucchero a velo. E godetevi la bontà di questo piatto. 






venerdì 28 novembre 2014

Tristezza per favore vai via.

Come cantava la Vanoni, Ornella Vanoni, tristezza per favore vai via. Oggi tra la pioggia incessante, il grigiore che avvolge ogni cosa ( a Milano) e inquietudini che mi avvolgono la pigrizia si sta impadronendo di me. Dovrei sistemare casa, andare in biblioteca, in merceria, dal vivaio e in posta ... ahimè per l'ennesima multa !!! 
Pensare, anche, alla lista della spesa e al menù per domani sera. Invece eccomi qui, al tavolo del mio angolino, con in sottofondo canzoni Natalizie e il gatto Tigro che mi gira intorno.

Vorrei essere in una casa come questa, sommersa dalla neve.



Andare  a fare una passeggiata sotto i fiocchi di neve che cadono lentamente. Godendomi il silenzio e quella strana magica atmosfera che solo la neve è capace di evocare. Poi tornare nella mia cucina



  e prepararmi una cioccolata calda. E per concludere il mio sogno,  accoccolarmi sulla mia  poltrona preferita



avvolta da una calda coperta e leggere un buon libro, scrivere o lavorare con l'uncinetto mentre fuori la neve copre candidamente e dolcemente tutto quanto.





Ritornando alla realtà vi voglio raccontare un piccolo episodio e salutarvi così: 
stamattina in panetteria ho incontrato  un signore, un emigrato, vive in Australia ma è qui per motivi familiari. Con un accento misto tra il barese e lo slang australiano ha raccontato che era da diversi anni che non tornava in Italia. Un uomo sulla settantina, dalla pelle cotta dal sole. Un personaggio sul quale potrei tranquillamente costruirci una storia, anche se non so nulla di lui. Con un viso che esprimeva e  parlava senza bisogno di parole. Quando ha salutato sia me che la proprietaria del negozio ci ha augurato buona giornata e " Belle cose ". Con una semplicità, dolcezza e galanteria  che ci ha colpito. 
Io giro a voi questo saluto. 



mercoledì 26 novembre 2014

Ancora Natale e una coperta speciale.





Continuano le idee per il mio Natale. Decorazioni sempre e solo low cost. La piccola ghirlanda è stata realizzata con materiali molto di recupero. Un piatto di carta, rami di lavanda del mio vaso che stoico ha resistito alle piogge di qualche giorno fa, è sopravvissuto agli attacchi del gatto Tigro, che voleva adottarlo come sua Toilette estiva .... e spago. Andrò ad aggiungere del nastro rosso, residuo bellico dello scorso Natale. 
Andrà ad abbellire  insieme alla tavoletta di legno, ricavata da un vecchio tagliere . la sedia in vimini (anche quella un riciclo di qualche anno fa) che si trova sul mio personale pianerottolo. Il risultato finale lo vedrete a lavori terminati.

Stamattina ho saputo che  non sono assolutamente in grado di scegliere i vestiti, non  mi intendo di moda e soprattutto conosco negozi che "fanno schifo". Gentili parole della mia bambina Beatrice !!! 
Solitamente lei si veste chiedendo un mio consiglio, che quasi sempre non ascolta. Alle 7.30 am mentre si vestiva ho visto la mia dolce streghetta trasformarsi in un piccolo mostriciattolo, con una voce stridula e urla degne di una gallina mentre viene strozzata. Le soluzioni erano due, o urlare più di lei o tacere e fare finta di nulla. Per un attimo la prima soluzione mi sembrava la più giusta , ma la saggezza dell'età ha preso il sopravvento e ho fatto finta di nulla. Lei furibonda e salita in camera ha spalancato l'armadio sempre inveendo contro di me e i miei improbabili outfit, si è cambiata, credo, tre paia di pantaloni , due o tre felpe. Alla fine scocciata, offesa si è messa il giaccone e all'improvviso calma, rilassata e serena mi ha salutato. "Ciao mammina , io vado, ci vediamo dopo. Ciao Edo, ciao Tigro " e cantando è uscita dalla porta. 
Come dicevano i latini "Sic et simpliciter"

Ho trovato consolazione a questo "tornado" inaspettato dalla mia mamma, la figlia della nonna Vera. E da una coperta che la nonna Vera aveva iniziato a lavorare con l'uncinetto tantissimi anni fa, poi abbandonata. Stamattina l'ho ritrovata nella soffitta di mia madre. E con grande gioia ed emozione l'ho ripresa e spero di riuscire a finirla. Sarebbe, insieme alle sue ricette, una dolce e nostalgica coperta di Linus.




lunedì 24 novembre 2014

Il salame di cioccolato di nonna Vera e anticipazioni del Natale.


Il salame di cioccolato, amato da tutti e con diverse varianti. Io lo preparo seguendo la ricetta di mia nonna Vera. Mi ricordo che quando veniva  a Milano era una delle  prime cose che faceva solo per me. Per coccolarmi, viziarmi e probabilmente era uno dei suoi modi per farmi sapere che mi voleva molto bene. 
Un anno di tanti anni fa , avrò avuto circa otto anni  mia madre mi iscrisse ad un corso di nuoto. A quel tempo io e le piscine ed il mare non avevamo un bel rapporto. A dirla tutta avevo il terrore dell'acqua. Mi ricordo ancora adesso l'istruttore, un uomo corpulento con baffi giganti (soprattutto per me bambina), con una voce autoritaria e "terrificante". Alla seconda o terza lezione quando ci "urlò" di staccarci dal bordo, cominciai ad avere una grande paura ed inizia a piangere. Mia madre cercò di convincermi ma il mio ricordo sono solo le parole che continuavo a ripetere tra le lacrime, "Noooo, voglio andare a casa dalla mia nonnaaaaa ..." In quel periodo era da noi. E quando arrivai a casa la trovai che stava impastando il salame di cioccolato. Empatia? Appena entrai in casa, raccontai tra strazianti singhiozzi quello che era appena successo e lei mi prese in braccio, una delle poche volte e mi disse "Tieni Nini - e mi dette un cucchiaio - assaggia l'impasto del salame e vedrai che tutto passerà ". E così fu. Lo assaggiai e come se niente fosse successo andai in camera mia a giocare. Potere delle nonne ...


Salame di cioccolato

2 cucchiai di Nutella
125 gr di burro
1 uovo
125 gr di zucchero
1 confezione e mezzo di biscotti secchi. (Io uso i Saiwa)

Sbattere con una frusta l'uovo e lo zucchero, aggiungere il burro fuso e fatto raffreddare. Mettere i due cucchiai di Nutella e infine i biscotti sbriciolati grossolanamente. Girare l'impasto, versarlo sopra un foglio di carta di alluminio e dargli la forma di un salame. Io lo metto in freezer per circa un ora e poi nel frigorifero. Una fetta di questa meraviglia ... tante calorie ma anche tante coccole !!!.




Ho iniziato i lavori per il Natale. Il cuscino con le renne dipinte. Altre cose, carine carine,  work in progress. 

Buone coccole.








giovedì 20 novembre 2014

Una taverna e la ricetta dei muffin.





C'erano una volta due ragazze, belle, simpatiche direi  intelligenti ... e molto, molto  mamme e  mogli.
Si incontravano spesso, la mattina, quando i pargoli erano a scuola e i mariti a lavorare,  e si dedicavano con passione al decoupage, patchwork, pittura, cucito e ricette. Si tuffavano nelle pagine patinate di riviste meravigliose. 

In una sempre perfetta taverna, cucivano, provavano nuove tecniche, e si sentivano soddisfatte di quello che avevano, appagate dalla loro vita scandita dalle esigenze dei figli e dei mariti. Erano disponibili, sempre, buone, forse troppo.Una di quelle  ricette era  per preparare dei semplici, ma nutrienti muffin. Che loro facevano spesso, come le crostate, come i biscotti, come altri dolci per addolcire le merende e le serate passate insieme ai loro compagni.  Mai nelle loro alzatine mancavano dolci. Nelle loro case esibivano i lavori che durante le mattinate completavano, soddisfatte dei risultati e di quello che erano capaci di fare. E chiedevano spesso l'approvazione dei mariti, che naturalmente non arrivava quasi mai  , ma non importava  andava bene così. Mai un tono di voce più alto del normale. Ogni loro esigenza veniva spesso soffocata da altre esigenze. Si confrontavano, si sfogavano e credevano di essere felici, serene e  arrivate.


Poi un giorno , capitò che, cambiò il vento. Le alzatine cominciarono ad essere vuote, le stoffe furono messe da parte, le pitture seccarono nei loro colorati barattoli e purtroppo o per fortuna quelle due ragazze   ... scoprirono il mondo. E nulla fu mai più come prima.




Ricetta dei muffin. 


Scaldare 2 tazzine d'olio extravergine d'oliva con la buccia di un agrume (un pezzo piccolo) e poi far raffreddare.
Montare 2 rossi d'uovo con 2 tazzine di zucchero, aggiungere l'olio raffreddato, 2 tazzine di latte, sei tazzine di farina setacciata e 2 cucchiaini di lievito per dolci. A piacere mettere granella di cioccolato . Amalgamare gli ingredienti e versarli negli stampi per muffin. Io utilizzo quelli di alluminio con inserito lo stampino colorato di carta. Così a fine cottura devo solo rovesciare il muffin che è già pronto nei suoi  stampini.
Infornare a 200° per circa 20 minuti. 

Per merenda, per colazione o per ricordare ... Buon appetito.







lunedì 17 novembre 2014

Weekend di cinema -

Sabato sera  cinema con amici che non vedevamo da qualche mese. Anche Edoardo con un amico stesso cinema ma , naturalmente, sale diverse. Lui aveva anche il dopo cinema, ristorante. Noi a casa con la rabbia, il muso e il borbottare per l'ingiustizia della vita, di Beatrice  perchè è nata dopo suo fratello. Perchè lui ancora fuori e noi a casa?  
Abbiamo visto La scuola più bella del mondo,  carino con belle battute, risate e un pò di leggerezza. 
Ieri dopo aver golosamente ed impudicamente mangiato cucchiaiate di mascarpone spalmato sopra una fetta di pandoro, sono stata poco bene. Niente giretto sui Navigli. Beatrice , per ripagare al torto subito la sera prima, l'abbiamo lasciata andare al cinema con i suoi amici. Edoardo in camera a studiare/spiegare e giocare con un amico, Marco a trovare la sua mamma. Io divano, camomilla e ... film. Finalmente sono riuscita a scaricare un film che volevo vedere da qualche tempo, sto parlando del film "Le pagine della nostra vita", tratto dal romanzo di Nicholas Sparks. Che dire,  dolcissimo, tenero, romantico. Due ragazzi che si incontrano, un amore grande che riuscirà a sconfiggere, anche per pochi minuti, le terribili conseguenze di una terribile demenza senile. Un uomo che ogni giorno per riaverla solo per pochi attimi, legge a sua moglie la storia della loro vita. Del loro amore.  Un amore che può fare anche  miracoli. Anche il libro è molto bello.



Tra tutto questo cinema ho sistemato anche  la lampada, che mi ha regalato Marco, nel mio piccolo studiolo. Troppo carina !!!



E le lucine sul mobile, i piccoli cuoricini alle maniglie di un mobile ( i cuori piccoli made Ikea, la coroncina decorata made Paola )



e il  buio mi hanno dato la percezione  dell'inverno che sta arrivando, del freddo, della nebbia e delle domeniche in casa sul divano e soprattutto dell'arrivo del Natale. 
E per finire la domenica sera in bellezza, con lo stomaco impazzito e l'intestino imbizzarrito ho svolto da brava i miei compiti ... vero Beatrice??? Antologia e spagnolo. 

Brava mamma e buona settimana. 

venerdì 14 novembre 2014

Waiting for Christmas .



E' proprio quello che sembra, il calendario dell'Avvento. Manca un mese e mezzo a Natale e voglio cominciare a pensare a cosa devo fare. E per prima cosa, il calendario. Quello nella fotografia mi sembra molto carino, facile da realizzare e molto Christmas country. 
Anche se i miei due ragazzi/adolescenti/mostriciattoli  oramai sono abbastanza fuori dalla frenesia, attesa, emozione e forse magia del Natale, il calendario è un oggetto che cercano sempre. Da quando sono piccoli lo hanno sempre avuto, in alcuni anni quelli comprati nei supermercati in altri anni (la maggior parte) fatti da me. Trovare ogni mattina un cioccolatino, una penna, una matita, una gomma, non so come ne perchè sembrano rendere  le loro giornate più belle e felici e i musi lunghi, prerogativa delle mattine da lunedì a venerdì, diventano timidi sorrisi, goffi abbracci e baci sporchi di nutella. Basta così poco? Delle volte probabilmente si. Ho dedicato una bacheca di Pinterest all'attesa del Natale. Waiting for Christmas è una bacheca dedicata all'attesa con tante piccole idee, spunti, sogni, desideri e bellissime fotografie. E ogni giorno troverete un aggiornamento con quello che di più bello Pinterest può regalarci. 



Il prossimo Natale, sarà il primo senza letterina per Babbo Natale. Mi è venuto in mente ora, mentre sto scrivendo. L'anno scorso Beatrice , in bilico tra i due mondi quello reale, razionale dove sono i genitori a comprare i regali e magico quello di Babbo Natale che arriva con la sua fantastica slitta a portare i doni, ha voluto scrivere ancora una lettera.  
Ancora il rito del piatto, del servizio buono, con sopra i biscotti "Le stelline" del Mulino Bianco, secondo lei e prima Edoardo i preferiti di Babbo Natale. Un bicchiere di latte e rucola per le renne.  E ora? Basta, niente più biscotti, niente più latte o renne o storie della vita di Babbo Natale. Niente più attesa, abbracci profumati di infanzia e gridolini sottovoce che ti svegliano alle cinque del mattino perchè forse è arrivato. Niente più salone invaso da urla di felicità, carte e parole. Papi niente più cacciaviti che avvitano giocattoli giganteschi e rumorosi. Niente più coccole in mezzo a carte colorate. Niente più di tutto quello che racchiudeva l'infanzia in quel suo mondo fatato, incantato e innocente. Proprio ieri parlando con Beatrice le ho chiesto cosa desiderasse per Natale . La risposta, mentre rispondeva a un messaggio del suo amico e senza neanche guardarmi negli occhi  è stata la seguente : " Boh, mamma non lo so, dai  adesso non posso ." E la mamma in questione con la bocca aperta e la mascella caduta ha incassato il colpo e ... ha trattenuto le lacrime. 






giovedì 13 novembre 2014

Nicholas Sparks.





Nicholas Sparks anno 1965. Lo scrittore dei grandi sentimenti, passioni e amori sconvolgenti. Quasi tutti i suoi romanzi sono ambientati dove vive,  in North Carolina. Chi non ha letto o visto al cinema Come un uragano ? Chi di voi non ha pianto leggendo o vedendo il film Le pagine della nostra vita ? E' un autore che non ho letto spesso, l'ho seguito più cinematograficamente.
 Poi in queste giornate fatte di attese, dal fisioterapista, dal dentista, pianoforte e canto sto leggendo  tantissimo. Finito il mio libro di Sarah Addison Allen mi sono trovata senza nulla da leggere. Curiosando nella mia libreria ho trovato "Come la prima volta" di Nicholas Sparks, un libro che ho comprato e per qualche strano motivo non ho mai letto. L'ho preso, messo nella borsa di "Mary Poppins"  e seduta sulla sedia di Luca, il fisioterapista di Beatrice, ho cominciato a leggerlo. 
Wow bellissimo, commovente, delicato, dolce. Un libro che mostra come il corteggiamento  non sia solo una fase della nostra vita, ma  " un'opportunità costante per rivivere l'incanto di quella straordinaria normalità che è l'amore." (seconda di copertina).
Secondo me, è' un libro che dovrebbero leggere tutti i mariti, i compagni, i fidanzati di lungo corso e le loro rispettive mogli, compagne e fidanzate. Compratelo  e vi farà pensare.



" A Cathy,
che ha fatto di me l'uomo più felice della Terra
accettando di diventare mia moglie."
   
                                      Nicholas Sparks 




mercoledì 12 novembre 2014

La crostata semplice, semplice.




La crostata una delle torte preferite, più mangiate e desiderate da tutti noi. Per me è la torta per antonomasia insieme a quella di mele. Fatta con le marmellate di fichi, mirtilli, limoni, arance. Per la colazione, la merenda, un dolce spuntino, una coccola, da portare ad una cena con amici. 
Inverno, primavera, estate e autunno un dolce che si può preparare sempre variando le marmellate in base alla stagione. Nella mia alzata di vetro spesso fa bella mostra di sè questo gustosissimo dolce.

Ho pensato, in questa tremenda giornata di pioggia che non accenna a diminuire, di farvi un piccolo regalo:  la  mia superveloce ricetta per la pasta frolla, che so essere un ostacolo per molte.

Pasta Frolla

ingredienti:

300 gr farina setacciata
120 gr di zucchero
3 uova (1 uovo e 2 tuorli)
150 gr di burro
1 pizzico di sale
1 limone
mezza bustina di lievito vanigliato

Mettere in una ciotola capiente la farina, lo zucchero, il sale  e il lievito. Aggiungere l'uovo e i due tuorli ed infine il burro (da tirare fuori dal frigorifero una mezz'ora prima). Amalgamare tutto con le mani. Quando iniziano a formarsi dei piccoli grumi, mettere il composto sul tavolo o sulla spianatoia ed iniziare ad impastare. Cercare di impastare velocemente, la pasta non deve scaldarsi. Formare un palla, avvolgerla nella carta trasparente e lasciare in frigorifero per circa un'ora.
Passata l'ora prendere la pasta, toglierne un pezzo per le decorazioni sopra la marmellata, stendere con il mattarello l'impasto rimasto senza calcare troppo. Metterlo in una teglia da crostata, imburrata ed infarinata e con le mani stenderlo verso i bordi. Con i rebbi della forchetta dare la forma dei bordi e bucherellare l'impasto sulla base. Mettete a questo punto la marmellata e con l'impasto tenuto da parte fare delle forme a piacere o piccole strisce da applicare sopra la marmellata. Mettere in forno già caldo a 180° per circa 25 minuti. 

E' una ricetta rivista e rivisitata per i miei gusti. Ad esempio nelle ricette classiche non troverete il lievito. Ma Marco, mio marito, la preferisce alta, tipo apple pie di Nonna Papera. Però vi assicuro seguendo questa ricetta sarà poi una passeggiata prepararla. Parola di lupetto.

Piove, piove e piove. Oggi vorrei essere nella cucina di questa casa a preparare la crostata per la merenda. Mi immagino il pomeriggio, la luce che lascia il posto al buio. La neve che scende, le lucine bianche appese fuori della casa  che si riflettono sulla neve candida. All'interno calore, profumo di vaniglia, cioccolata e rami di pino. Una fetta di torta e un bicchiere di latte fresco versato  dalle bottiglie che il lattaio mi ha lasciato fuori dalla porta. 






Buon pomeriggio.


martedì 11 novembre 2014

Mi piace.


Buongiorno. Si,  ho trovato il "vestito" giusto. Finalmente  il mio blog, ora, si sentirà a suo agio (cosa molto importante !!!). Dopo prove, riprove, rabbia, nervoso, scoramento, perdita d'animo, tentativi ... ora è CUCITO !!! Non è ancora completato, sto aspettando che il mio consulente molto personale, Edoardo, finisca di studiare? Mangiare? Giocare con il gatto Tigro? Parlare? E poi, visto che oggi è una di quelle bellissime giornate dove ha voglia di stare con la sua mamma , mi aiuterà a cucire sul "vestito" nuovo alcune immagini e delle piccole migliorie.
Siamo arrivati a casa, Edoardo chiacchiera, mi racconta si cambia e con con la sua "veste da casa" mi raggiunge in cucina e mi dice  "dai mamma siediti qui con il computer". E io accolgo come un dono inaspettato e meraviglioso questo invito. Ora siamo seduti uno di fronte all'altro, lui studia io scrivo. Ogni tanto una carezza al gatto Tigro, una parola e soprattutto da parte mia un amore incondizionato per questo ragazzo. Momenti magici. 
La streghetta è in camera sua che canta. Giornata di discussione : adolescente, femmina e segno zodiacale Toro ... aggiungo altro? Per fortuna che si alternano, oggi lampi, tuoni e fulmini con lei ... domani si vedrà.
Ah il grande capo è in ufficio che lavora, lavora e lavora. Ogni tanto riemerge con qualche messaggio, soprattutto alla sua tata (Beatrice ndr) ... l'unica che le risponde !!!

See you soon.